Questo sito utilizza cookie tecnici e potrebbe utilizzare anche cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più a riguardo o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.close

Le formule contrattuali dell’outsourcing prevedono un pagamento legato al numero di prestazioni eseguite e talvolta richiedono che durante il periodo contrattuale le attrezzature siano aggiornate con altre più recenti che possano migliorare sensibilmente la qualità del servizio stesso.

L’ente pubblico o il privato paga in funzione del lavoro svolto dalla società di servizio e potrà trovare un utile tra la valorizzazione delle prestazioni fornite ai pazienti in base al tariffario regionale di appartenenza e il costo dell’esame pagato al gestore del servizio.

L’utente pubblico o privato che è in grado di trovare un margine tra la tariffa regionale cui è applicato uno sconto e il costo a esame pagato, è certo di ottimizzare l’uso delle attrezzature a costi prefissati senza incognite. Inoltre è possibile pianificare con precisione i volumi di attività seguendo l’andamento delle esigenze e avere pianificazioni finanziarie dettagliate e omnicomprensive.

L’outsourcing trova la sua giustificazione soprattutto per impianti complessi e costosi che necessitano di grossi capitali per l’acquisizione diretta e che richiedono una complessa organizzazione per la gestione.

In genere vengono utilizzati per:

  • Impianti di Risonanza Magnetica e/o TAC di alta capacità
  • Impianti di Medicina Nucleare, PET, PET/CT, Ciclotrone e Laboratorio di Radiofarmacia
  • Impianti di Radioterapia

         

Per queste tipologie di servizi sono proposte, oltre alla refertazione locale con proprio personale, anche la refertazione a distanza e il teleconsulto attraverso convenzioni con centri d’eccellenza a livello nazionale.

Le amministrazioni regionali individuano le risorse economiche necessarie per la remunerazione della ditta aggiudicataria in parte grazie alla minore mobilità passiva, in parte dai fondi destinati all’ammodernamento tecnologico/strutturale, e soprattutto in funzione di un riequilibrio della ripartizione della spesa sanitaria tra enti pubblici e centri privati convenzionati. L’efficienza del modello gestionale dell’outsourcing porta inoltre a un migliore sfruttamento delle tecnologie pesanti, consentendo di ridurre la sua incidenza in termini di costi della prestazione sanitaria rispetto alle gestioni di tipo tradizionale, grazie all’estensione degli orari giornalieri di apertura dei servizi e, quando necessario, anche delle giornate di servizio settimanali che possono arrivare a includere il sabato e la domenica.

Trasformiamo la conoscenza in salute

Favorire l'evoluzione tecnologica nell'ambito della diagnostica per immagini con delle soluzioni flessibili e avanzate per l'ottimizzazione dei servizi di assistenza sanitaria

Chiudi menu

Trasformiamo la conoscenza in salute

Favorire l'evoluzione tecnologica nell'ambito della diagnostica per immagini con delle soluzioni flessibili e avanzate per l'ottimizzazione dei servizi di assistenza sanitaria

Chiudi menu

ALLIANCE MEDICAL ITALIA S.r.l. a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento di Alliance Medical Acquisitionco Limited.
Sede legale: Via Goffredo Mameli, 42/a - 20851 Lissone (MB)     T +39 039 2433 130    F +39 039 2433 150
CCIAA Monza e Brianza REA MB - 1896225 C.F. e P. IVA 12817841005 Capitale Sociale Euro 1.000.000,00 i.v.
www.alliancemedical.it   E-mail: info@alliancemedical.it    Posta Elettronica Certificata: ami@pec.alliancemedical.it

Chiudi menu